Articoli

Chiari, G. (2020). Intersubjectivity, constructivism, and personal construct theory: Commenting and extending Mascolo and Kallio’s article on the phenomenology of between. Journal of Constructivist Psychology, 33, 29-35. doi:10.1080/10720537.2019.1635925
download (solo le prime 50 richieste)

Some of the arguments presented by Mascolo and Kallio in their article, “The Phenomenology of Between: An Intersubjective Epistemology for Psychological Science” are discussed. The aim of Mascolo and Kallio’s work is commended given their efforts to overcome purely subjectivist or purely objectivist approaches, not only in psychological research but also in psychological and psychotherapeutic theorizing. Remarks on the paper cluster around two themes: (1) the need to clarify what is meant by “intersubjectivity,” “constructivism,” and “phenomenology” given the highly variable use of such terms; and (2) ways the epistemology of intersubjectivity as devised by Mascolo and Kallio is both consistent with and divergent from view of the person as depicted by Kelly in personal construct theory.


Chiari, G. (2018). Dal comportamentismo al costruttivismo (passando per il cognitivismo): un percorso personale. Psychomed, 13 (n. 1-2-3), 40-45.
download


Chiari, G. (2018). Il caso di Laura: una vita sospesa. Costruttivismi, 5, 14-20. doi:10.23826/2018.01.014.020
download

La parziale trascrizione della prima seduta di psicoterapia con Laura offre lo spunto per mostrare in che modo il caso potrebbe essere inquadrato nei termini della psicoterapia narrativo-ermeneutica, elaborazione italiana della psicoterapia dei costrutti personali. Il problema presentato sembra rimandare ad un cambiamento già in atto nel modo in cui Laura tende a giocare un ruolo nella relazione con gli altri, cambiamento che nelle circostanze attuali della sua vita di coppia la mette di fronte ad un dilemma che, per le alternative che vede davanti a sé, le appare difficile da risolvere.


Chiari, G. (2017). The body of the language. Costruttivismi, 4, 110-121. doi:10.23826/2017.01.110.121
download

The rising interest for corporeity demonstrated by some recent psychotherapeutic approaches seems to accompany a reduced importance attributed to verbal language and conversation in the therapeutic process, to such a degree as to make body language the privileged tool for the understanding of the client’s system of personal meanings. Personal construct psychotherapy – and hermeneutic constructivist psychotherapy which represents a development enhancing its affinity with phenomenology and the theory of autopoiesis – espouses a constructivist view of knowledge which allows to transcend the many dualisms characterizing many psychologies and psychotherapies and, among these, also the dualism between an explicit and an implicit channel of communication. The present contribution is aimed at supporting the thesis of the ontological role of language in the creation of personal worlds, and showing, also by means of the synthesis of a psychotherapeutic conversation, the work accomplished with words in a course of hermeneutic constructivist psychotherapy directed to favour the client’s understanding of him/herself and the opening of new experiential horizons.


Chiari, G. (2017). The writings of George A. Kelly (1905-1967). doi:10.13140/RG.2.2.21192.52482
download


Chiari, G. (2017). Recent advances in personal construct psychotherapy. Personal Construct Theory & Practice, 14, 15-24.
download

Kelly has repeatedly invited to experiment with his theory to prove its fertility. However, personal construct theory and its application to psychotherapy have seen few developments. A recent contribution comes from Walker’s revision of the notion of psychological disorder which opens new perspectives to the understanding of several psychological events. Other contributions come from the narrative hermeneutic approach. The outline of personal paths of dependency, and the more recent proposal of forms of uncompleted recognition, are just examples of such a line of research that arises from a phenomenological and hermeneutic interpretation and elaboration of personal construct theory and psychotherapy.


Chiari, G. (2017). Psychological constructivism under investigation: Relevant or trifling? Review of Studies in Meaning 5: Perturbing the status quo in constructivist psychology, edited by J. D. Raskin, S. K. Bridges & J. S. Kahn. New York, NY: Pace University Press, 2015. Journal of Constructivist Psychology, 30, 90-94.
download


Chiari, G. (2016). La psicoterapia costruttivista ermeneutica: un’elaborazione in chiave narrativa delle idee di George A. Kelly. Costruttivismi, 3, 14-39. doi:10.23826/2016.01.014.039
download

“Psicoterapia costruttivista ermeneutica” è il nome dato all’elaborazione italiana della psicoterapia dei costrutti personali proposta da George A. Kelly, alla luce di una lettura in chiave narrativo-ermeneutica della sua teoria dei costrutti personali (TCP). I disturbi personali vengono considerati come il tentativo attivo da parte della persona di mantenere un adattamento sociale, e ricondotti a percorsi evolutivi tracciati da particolari relazioni intersoggettive precoci. Come conseguenza di questa elaborazione, la TCP vede sottolineata la natura relazione dell’identità personale arricchendosi inoltre con l’inserimento di elementi narrativo-evolutivi, e la psicoterapia che ne deriva vede ancor più centrale il ruolo della relazione psicoterapeutica nel favorire una riattivazione dell’esperienza.


Chiari, G. (2016). Hermeneutic constructivist psychotherapy: A narrative elaboration of George A. Kelly’s ideas. Costruttivismi, 3, 148-172. doi:10.23826/2016.01.148.172
download

“Hermeneutic constructivist psychotherapy” is the name given to the Italian elaboration of the personal construct psychotherapy proposed by George A. Kelly, in the light of a narrative- hermeneutic reading of his personal construct theory (PCT). Personal disorders are regarded as the person’s active attempt at conserving a social adaptation, and traced back to developmental paths channelized by distinctive early interpersonal relationships. Because of this elaboration, the relational nature of personal identity is highlighted, PCT is enriched by the inclusion of narrative-developmental elements, and the psychotherapy deriving from it sees the role of the psychotherapeutic relationship in favouring a re-activation of experience even more central.


Chiari, G. (2016). To live is to know, to know is to change: Change in personal construct psychology and psychological constructivism. Journal of Constructivist Psychology, 29, 340-356. doi:10.1080/10720537.2015.1134364

This paper deals with the subject of personal change. As such, one could be tempted to say that it deals with psychology as a whole: what else should psychology be concerned with? But this is not exactly how things are, as I shall argue by answering a first question, that is, whether psychology, as a discipline, is mainly concerned with the study of human change. To a second question, whether personal construct theory (PCT) in particular is mainly concerned with the study of human change, I give an affirmative answer, after some necessary qualifications. I would like to dwell particularly on answering a third question, on whether the way personal construct theory deals with change can be regarded as centering around a peculiarity. I am convinced that the revolutionary and cutting-edge nature of PCT can be fully appreciated only by pinpointing and highlighting such a peculiarity. In discussing this, I find it convenient to answer a last question, and that is, whether the way PCT deals with change is akin to the way other theories handle it. After having discussed personal change as it is treated in PCT, I give a bird’s eye view of the contribution of personal construct psychology to the fields of psychology more concerned with change, namely, developmental and educational psychology. The last part of the paper will be reserved to the role of change in clinical psychology, and to what Kelly pointed out as the focus of convenience of his theoretical construction: personal construct psychotherapy as a relational process aimed at favoring a personal change.


Chiari, G. (2015). Il corpo del linguaggio. Costruttivismi, 2, 181-193. doi:10.23826/2015.02.181.193
download

L’interesse crescente per la corporeità mostrato da alcuni recenti approcci psicoterapeutici sembra accompagnarsi ad un ridimensionamento dell’importanza del linguaggio verbale e della conversazione nel processo terapeutico, fino ad arrivare a fare del linguaggio del corpo lo strumento privilegiato per la comprensione del sistema di significati personali del cliente. La psicoterapia dei costrutti personali – e la psicoterapia costruttivista ermeneutica che ne rappresenta uno sviluppo che ne esalta le affinità con la fenomenologia e con la teoria dell’autopoiesi – adotta una concezione costruttivista della conoscenza che permette di trascendere i numerosi dualismi che caratterizzano molte psicologie e psicoterapie e, tra questi, anche il dualismo tra un canale esplicito ed uno implicito di comunicazione. Il presente contributo intende sostenere la tesi del ruolo ontologico del linguaggio nella creazione dei mondi personali, e mostrare, anche attraverso la sintesi di una conversazione psicoterapeutica, il lavoro fatto con le parole in un percorso di psicoterapia costruttivista ermeneutica volto a favorire una comprensione di sé e l’apertura di nuovi orizzonti esperienziali nel cliente.


Armezzani, M., & Chiari, G. (2015). Ideas for a phenomenological interpretation and elaboration of personal construct theory. Part 3. Clinic, psychotherapy, research. Costruttivismi, 2, 58-77. doi:10.23826/2015.01.058.077
download

In this part of our work about a comparison between Kelly’s personal construct theory and phenomenology, we enter the fields of psychotherapy and research. The topic of intersubjectivity, as original recognition of the other’s subjectivity, provides a backdrop for both phenomenological clinic and Kellyan psychotherapy. Though Kelly never used the term “intersubjectivity”, his theory and the corollary of sociality in particular, reveals a view of interpersonal relationships as intercorporeality, which is much closer to phenomenological ideas than to the cognitive ones. Depending on such commonality, in either cases clinical relationship is not viewed as an “aspecific factor” of psychotherapy, but as the essential tool for the care of other. Furthermore, the core role of intersubjectivity in scientific knowledge implies a radical revision of the criteria of research. Consistently with the intent of a science of experience, it is no more a matter of collecting data, as of accepting meanings. Psychological research has to refound itself in continuity with life and recognize the need for a real involvement and real interaction with the subjects, as far as to reverse the traditional relation between clinic and research. It is nonsense to conceive clinic as an applicative sector of a pure science because clinic, on the contrary, is the place where one can know, in first-person, those meaningful realities which take shape in the intersubjective exchange of ideas, in order to make them comprehensible and controllable.


Armezzani, M., & Chiari, G. (2015). Idee per una interpretazione ed una elaborazione fenomenologica della teoria dei costrutti personali. Parte 3a. Clinica, psicoterapia, ricerca. Costruttivismi, 2, 38-57. doi:10.23826/2015.01.038.057
download

Nella terza parte di questo lavoro dedicato al confronto tra la teoria dei costrutti personali di Kelly e la fenomenologia, si entra nel campo della psicoterapia e della ricerca. Il tema dell’intersoggettività, intesa come riconoscimento originario della soggettività dell’altro, è evidenziato come sfondo sia della clinica fenomenologica sia della psicoterapia kelliana. Sebbene Kelly non usi il termine “intersoggettività”, la sua teoria, e in particolare il corollario della socialità, rivela una concezione delle relazioni interpersonali come intercorporeità, molto più aderente alle idee fenomenologiche che a quelle cognitive. Per questa comunanza, in entrambe i casi la relazione clinica non è vista come un “fattore aspecifico” della psicoterapia, ma come strumento fondamentale della cura dell’altro. Il ruolo centrale dell’intersoggettività nella conoscenza scientifica comporta, inoltre, una revisione radicale dei criteri della ricerca. Coerentemente con l’intento di una scienza dell’esperienza, non si tratta più di raccogliere dati, ma di accogliere significati. La ricerca psicologica deve rifondarsi in continuità con la vita e riconoscere la necessità di un reale coinvolgimento del ricercatore e una reale interazione con i soggetti incontrati, fino a capovolgere il rapporto tradizionale tra clinica e ricerca. Non ha più senso concepire la clinica come settore applicativo di una scienza pura, perché la clinica è, invece, il luogo in cui si possono conoscere, in prima persona, quelle realtà significative che prendono forma nel confronto intersoggettivo, per renderle poi accessibili e controllabili.


Armezzani, M., & Chiari, G. (2014). Ideas for a phenomenological interpretation and elaboration of personal construct theory. Part 2. Husserl and Kelly: A case of commonality. Costruttivismi, 1, 168-185. doi:10.23826/2014.02.168.185
download

In the first part of their work, the Authors substantiated the strong similarities between Kelly’s personal construct theory and phenomenology, notwithstanding the rejection of the latter from the American psychologist. In this second article the Authors go so far as to uphold the thesis that Kellyan theory even represents an example of the realization of the Husserlian project of a rigorous science of experience, alternative to the naturalistic one. After having briefly expounded the new idea of objectivity described by Husserl, Kelly’s theory is presented as world of the general forms deriving from experience, which take shape as structural invariants in Kelly’s enunciation of professional constructs.


Armezzani, M., & Chiari, G. (2014). Idee per una interpretazione ed una elaborazione fenomenologica della teoria dei costrutti personali. Parte 2a. Husserl e Kelly: un caso di comunanza. Costruttivismi, 1, 150-167. doi:10.23826/2014.02.150.167
download

Nella prima parte di questo lavoro gli Autori hanno argomentato le notevoli affinità tra la teoria dei costrutti personali di G. A. Kelly e la fenomenologia, nonostante il rifiuto di quest’ultima da parte dello psicologo statunitense. In questo secondo articolo gli Autori si spingono a sostenere la tesi che la teoria kelliana costituisca addirittura un esempio di realizzazione del progetto di Husserl di una rigorosa scienza dell’esperienza, alternativa a quella naturalistica. Dopo avere sinteticamente esposto la nuova idea di oggettività descritta da Husserl, la teoria kelliana viene presentata come mondo delle forme generali che derivano dall’esperienza, e che si configurano come invarianti strutturali nell’enunciazione dei costrutti professionali operata da Kelly.


Armezzani, M., & Chiari, G. (2014). Ideas for a phenomenological interpretation and elaboration of personal construct theory. Part 1. Kelly between constructivism and phenomenology. Costruttivismi, 1, 136-149. doi:10.23826/2014.02.136.149
download

Kelly’s personal construct theory, put forward in 1955, is considered the first constructivist theory of personality and the first expression of those contemporary psychotherapeutic perspectives grounded on a constructivist view of knowledge. Notwithstanding the similarities between psychological constructivism and the phenomenological-hermeneutic tradition, Kelly always rejected the parallel of his theory to phenomenology, regarding the latter as unacceptable since idealistic, solipsistic, and particularistic. In this first article of a work subdivided into three parts, the Authors explain such criticism by Kelly with his knowledge of phenomenology deriving from secondary sources, and stress the wide possibilities of a phenomenological interpretation and elaboration of his theory.


Armezzani, M., & Chiari, G. (2014). Idee per una interpretazione ed una elaborazione fenomenologica della teoria dei costrutti personali. Parte 1a. Kelly tra costruttivismo e fenomenologia. Costruttivismi, 1, 122-135. doi:10.23826/2014.02.122.135
download

La teoria dei costrutti personali di G. A. Kelly, formulata nel 1955, viene considerata la prima teoria costruttivista della personalità e la prima espressione di quelle prospettive psicoterapeutiche contemporanee improntate ad una concezione costruttivista della conoscenza. Nonostante le affinità tra il costruttivismo psicologico e la tradizione fenomenologico-ermeneutica, Kelly ha sempre rifiutato l’accostamento della sua teoria alla fenomenologia, considerando quest’ultima inaccettabile in quanto idealistica, solipsistica e particolaristica. In questo primo articolo di un lavoro suddiviso in tre parti, gli Autori giustificano tali critiche con una conoscenza della fenomenologia da parte di Kelly derivante da fonti indirette, e ribadiscono le ampie possibilità di una interpretazione e di una elaborazione in chiave fenomenologica della sua teoria.


Chiari, G. (2013). Emotion in personal construct theory: A controversial question. Journal of Constructivist Psychology, 26, 249-261. doi:10.1080/10720537.2013.812853

George Kelly’s personal construct theory (PCT) has been accused of disregarding the role of emotion in human life. This charge originates from a misunderstanding of PCT’s basic assumptions. Kelly deals with experiences commonly called “emotional” in terms of dimensions of transition according to a genuinely constructivist epistemology. A review of the literature shows few elaborations of Kelly’s original formulation of constructs relating to transitions, and even some contributions critical of Kelly’s approach to emotions. This article rebuts the criticismswhile making clear the epistemological and theoretical bases of Kelly’s treatment of transitional experiences, its peculiarities, and its role in the diagnostic/therapeutic process.


Chiari, G. (2011). A constructionist frame for counselor education. Review of Handbook of Counselor Preparation: Constructivist, Developmental, and Experiential Approaches edited by G. McAuliffe & K. Eriksen. Journal of Constructivist Psychology, 24, 351-354. doi:10.1080/10720537.2011.593478


Chiari, G. (2009). The issue of the unity and specificity of psychology from the viewpoint of a constructivist epistemology. Humana.Mente, 11, 81-95.
download

A certain constructivist psychology converges with a certain epistemology of psychology in rejecting as meaningless the project of the unification of the various psychological schools and theories, as well as the trend to the progressive reduction of psychological phenomena to neurophysiological processes. I shall discuss the subject by referring to the work of the Italian epistemologists E. Agazzi and S. Marhaba, the American G. A. Kelly, and the Chilean biologist H. Maturana. 


Chiari, G. (2008). How questioning reality can help face real problems. Review of Studies in Meaning 3: Constructivist Psychotherapy in the Real World, edited by J. D. Raskin and S. K. Bridges. Constructivist Foundations, 4, 70-71.
download


Chiari, G. (2008). An alternative worldview to favour the creation of personal alternatives. Review of Studies in Meaning 3: Constructivist Psychotherapy in the Real World, edited by J. D. Raskin and S. K. Bridges. Personal Construct Theory & Practice, 5, 10-11.
download


Chiari, G., & Nuzzo, M. L. (2006). Exploring the sphere of between: The adoption of a framework of complementarity and its implications for a constructivist psychotherapy. Theory & Psychology, 16, 257-275. doi:10.1177/0959354306062538

A psychological understanding of interpersonal processes in terms of complementarity is not new. It is enough to mention Buber (the title of our paper refers to an expression of his), as well as Bateson and his definitions of double description, binocular vision and complementary and symmetric relations. We would like to clarify the nature of complementarity, and to point out the presence of this framework in some philosophical and scientific discourses about the person. Moreover, we think that the adoption of a framework of complementarity becomes a metaphysical necessity within what we have called ‘hermeneutic constructivism’, and that other constructivisms fail to acknowledge it, thereby losing much of metatheoretical, revolutionary potential. We will document the possibility of adopting a framework of complementarity with respect to different pairs of poles, which specify as many phenomenal domains: (1) the relation between any entity and its environment; (2) the relation between modes of description; (3) the relation between the person and the world; and (4) the relation between people. In the final part of the paper we outline some implications of a consideration of complementarity for the psychotherapy process.


Chiari, G., & Nuzzo, M. L. (2001). Penetrating the sphere of between: The adoption of a framework of complementarity and its implications for a constructivist psychotherapy. The British Psychological Society, Psychotherapy Section Newsletter (June, No. 30), 30-51.


Chiari, G., & Nuzzo, M. L. (1996). Psychological constructivisms: A metatheoretical differentiation. Journal of Constructivist Psychology, 9, 163-184. doi:10.1080/10720539608404663

As the constructivist movement spreads throughout the contemporary psychological literature, the meaning of the term constructivism is loosening and has become permeable to rather different approaches. This excessive permeability is one of the reasons why in recent years there has been a proliferation of labels suggested by several authors to point out relevant differences under the umbrella of constructivism’ constructionism. In this article, we attempt to contribute to a systematization of the field by using the knowledgdreality relationship as a metatheoretical criterion of differentiation among the several psychological perspectives on personal knowledge. In doing so we fix certain terms to the different views of knowledge, suggesting their discriminative use. Brief references to the psychotherapeutic approaches based on the metatheoretical perspectives considered make clear their different implications at the applied clinical level.


Chiari, G., Nuzzo, M. L., Alfano, V., Brogna, P., D’Andrea, T., Di Battista, G., Plata, P., & Stiffan, E. (1994). Personal paths of dependency. Journal of Constructivist Psychology, 7, 17-34. doi:10.1080/10720539408405085

Following an outline of a constructivist conceptualization of dependency, we investigated the possibility of differentiating developmental paths by means of dependency grids. On the basis of our hypothesis, three alternative personal paths of dependency expected, each initiated by the main transition of aggressiveness, threat, and guilt that the child experiences through early dependency relationships with parents. A cluster analysis performed on four variables (dispersion of dependency, dependence on mother, dependence on father, and dependence on self) within a sample of 122 young adults differentiated four groups of subjects whose characteristics, explored by means of the Adjective Check List and the Helping Grid, largely corresponded to the expected ones.


Chiari, G. (1993). How many psychologies in personal construct psychology? [Review of “Experimenting with personal construct psychology” edited by F. Fransella & L. Thomas. London: Routledge & Kegan Paul, 1988]. International Journal of Personal Construct Psychology, 6, 107-111.


Chiari, G., Mancini, F., Nicolò, F., & Nuzzo, M. L. (1990). Hierarchical organization of personal construct systems in terms of the range of convenience. International Journal of Personal Construct Psychology, 3, 281-311. doi:10.1080/10720539008412818

Starting from constructs’ range of convenience as a central criterion, a model of the hierarchical organization of a personal construct system is developed by using elementary tools from set and graph graph theories. According to a radical constructivist point of view, constructs with their dichotomous nature are seen as the primitive objects, and the to which they apply are defined in terms of the constructs themselves. The difference between ordinal and logical relationships is made clear. The assumed structure permits a reconsideration of the notions of construct correlation, of predictive efficiency, and of invalidation and change in terms of the emergence of one or more new constructs.


Chiari, G. (1989). Conoscenza personale e malattia somatica: approcci cognitivi ai disturbi psicosomatici. Psicobiettivo, 9, 9-20.

Se i modelli teorici cognitivisti sui disturbi psicosomatici si rifanno tutti alla relazione tra malattia somatica e conoscenza personale, 11 modo di intendere questa relazione è profondamente diverso nelle teorie (e nelle terapie) cognitive ad orientamento razionalista e in quelle ad orientamento costruttivista. L’articolo descrive sinteticamente le princ1pali dlfferenze tra i due orientamenti, e ne mostra le implicazioni rispetto alla comprensione e al trattamento dei disturbi psicosomatici, riferendosi in particolare alla loro concettualizzazione del processo cognitivo e alla loro posizione rispetto al problema mente-corpo.


Chiari, G., & Nuzzo, M. L. (1988). Embodied minds over interacting bodies: A constructivist perspective on the mind-body problem. The Irish Journal of Psychology, 9, 91-100. doi:10.1080/03033910.1988.10557707

The consideration of the relation of mutual specification between a distinguished whole and the parts distinguished in it. and of their specification of two non intersecting phenomenal domains, constitute the starting point for a radical constructivist redefinition of the “mind-body problem” (MBP), where the opposition between mind and body turns into a relation of complementarity between components of a larger (social. ecological) whole. The implications as to the traditional views on the MBP are outlined, stressing in particular the overcoming of the holism/reductionism and parallelism/interactionism dualities.


Chiari, G., Foschino-Barbaro, G. M., Nuzzo, M. L., Pecci, L., & Rossi, R. (1987). Individual knowledge of emotions in asthmatic children. Journal of Psychosomatic Research, 31, 341-350. doi:10.1016/0022-3999(87)90054-7

Twenty male asthmatic children (ages 9-11) and their controls were interviewed regarding their concept of emotion using the interview format developed by Harris et al. (1981). The purpose of the study was to examine the asthmatic children’s views on the nature and effects of happiness, anger and fear, together with strategies of self-control. The results indicate that healthy and asthmatic children have a different individual view of emotion. The most relevant finding concerns the different way in which healthy and asthmatic children consider fear: the most frequent view of fear in healthy children is similar to a behaviouristic model of emotion, while asthmatic children express a notion very similar to a cognitive model. Regarding anger, almost all healthy children believe themselves capable of exerting self-control whether on the inner mental components or on its outer expression, where a change of direction of mental processes is the only way asthmatic children see to modify their anger. The implications of these findings both for a description of asthmatic personality and therapy are outlined.


Chiari, G., Foschino-Barbaro, G. M., Pecci, L., & Rossi, R. (1983). Per una analisi cognitiva dell’asma infantile. Risultati preliminari. Medicina Psicosomatica, 28, 245-265. 

Partendo da un modello cognitivo-comportamentale dei disordini nevrotici ed emotivi, gli AA. hanno preso in considerazione akuni aspetti della conoscenza individuale nei bambini asmatici e di enucleare, per quanto possibile, le strutture cognitive più caratteristiche dei soggetti affetti da asma bronchiale. I 20 soggetti del gruppo sperimentale sono stati appaiati per eta, sesso e livello culturale ai soggetti del gruppo di controllo. Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad una intervista strutturata volta ad indagare i1 comportamento sociale e alimentare, l’igiene personale e il rendimento scolastico. Ai soggetti è stato anche chiesto di definire alcune emozioni e concetti e di indicare quale fosse la loro favola preferita. Significativamente differenti sono state le risposte date dai due gruppi alla definizione di solitudine, liberta, felicita e rabbia. Tali risultati hanno permesso agli AA. di ipotizzare un particolare pattern di attaccarnento presente nei bambini asmatici, i quali associano la felicità alla presenza dei genitori. Questa presenza, anche se garantisce ai bambini l’evitarnento della solitudine, implica una limitazione della libertà e dell’attività esplorativa, mentre la rabbia risulta totalmente inibita come risposta alle punizioni inflitte dai genitori. Sono state inoltre discusse le preferenze per le diverse favole.


Chiari, G., & Reda, M. A. (1981). Cognitive restructuring through biofeedback in agoraphobia. The Italian Journal of Psychology, 8, 275-282. 

Biofeedback techniques have been even more frequently used in recent years for the treatment of psychophysiologic and emotive disorders within a behavioristic conceptual framework (see the recent birth of the Behavioral Medicine). In the article we rather suggest biofeedback usage as an «emotion amplifier» which can produce a change at the cognitive structures level. The utility of this usage is explained referring to the treatment of agoraphobia and within a cognitive-behavioral model both of syndrome and psychotherapeutic treatment.


Chiari, G. (1981). Lineamenti di un modello cognitivo-comportamentale dei disturbi psicosomatici. Bollettino di Psicologia Applicata, 157, 31-39. 

Attraverso ii confronto con i modelli comportamentista e psicoanalitico classico dei disturbi psicosomatici, l’articolo traccia gli elementi essenziali della visione cognitivista dell’individuo nel suo rapporto interattivo con l’ambiente. Secondo tale modello, la coscienza individuale di sé e del mondo guida il comportamento attraverso ii significato che permette di attribuire alla realtà ambientale. Una valutazione negativa delle situazioni-stimolo viene segnalata da un’attivazione fisiologica che può facilitare una prima soluzione del problema o mantenersi nel tempo fino alla generazione di disturbi psicosomatici, a seconda del significato che le viene a sua volta attribuito e delle aspettative di efficienza personale nell’affrontare i problemi. Dei brevi cenni sono dedicati alla terapia cognitivo-comportamentale dei disturbi nevrotici e psicosomatici, la cui impostazione deriva direttamente dal modello esposto.


Chiari, G. (1981). Presupposti teorici e acquisizioni sperimentali per un modello cognitivo-comportamentale dei disturbi psicofisiologici. Medicina Psicosomatica, 26, 51-65.

Due produzioni della psicologia scientifica dei primi anni ’60 dovevano in seguito rivelare un’influenza storica sullo studio del comportamento e dell’emozione, tale da minare le basi del comportamentismo radicale allora dominante e da rappresentare i nuclei catalizzatori della nascita della moderna psicologia cognitivista: il volume di Miller, Galanter e Pribram (1960) Plans and the structure of behavior, e il lavoro sperimentale di Schachter e Singer (1962) sulle determinanti fisiologiche, cognitive e sociali delle emozioni. Il modello dell’uomo che si è andato sempre più affermando da allora è quello di un individuo in possesso di proprie teorie su di sé e sul mondo, configurabili come un «sistema di convinzioni» (belief system) a struttura gerarchica, acquisito sulla base delle esperienze individuali. Diversamente dalla concezione passiva e meccanica di un uomo che re-agisce agli stimoli dell’ambiente esterno, secondo tale modello l’uomo agisce nell’ambiente secondo «piani» (regole, gerarchie di istruzioni) predeterminati, pianifica cioè le sue azioni, ne controlla i risultati, ed eventualmente le corregge al fine di raggiungere gli obiettivi del «programma» (e, in termini più generali, il miglior adattamento con l’ambiente).


Chiari, G. (1981). Utilità del biofeedback in psicoterapia comportamentale a diversi livelli di intervento. Rivista di Psichiatria, 16, 32-43.

Fin dalle loro prime applicazioni cliniche, le procedure di biofeedback sono state impiegate prevalentemente come unico strumento terapeutico. Inizialmente ciò era dovuto alla necessita di valutare i limiti specifici dell’efficacia terapeutica del nuovo approccio (e quindi a precise e vincolanti giustificazioni di ordine metodologico), e forse anche ad una sopravvalutazione della stessa efficacia (fenomeno del resto comune nel caso delle prime utilizzazioni di metodi di trattamento per qualche verso «rivoluzionari»); ma, a distanza ormai di più di un decennio da quelle applicazioni pionieristiche, e alla luce di una riconsiderazione critica dell’efficacia delle procedure di biofeedback quale si impone dopo un’analisi della vasta mole di letteratura che si è andata accumulando, è difficile immaginare che una utilizzazione che prescinda da un più strutturato approccio allo specifico problema del paziente possa risultare realmente proficua. È probabilmente in conseguenza di tali considerazioni che negli ultimi anni le procedure di biofeedback hanno trovato un sempre più frequente impiego come tecniche nell’ambito delle recenti discipline della Behavioral Medicine per quanta riguarda il trattamento dei disturbi psicosomatici, e della Cognitive-Behavior Modification per quanto concerne il trattamento dei disturbi emotivi.


Lützenkirchen, G., Chiari, G., & Biondi, M. (1980). Per la storia della medicina psicosomatica. Schede bibliografiche. Medicina Psicosomatica, 25, 511-519. 


Chiari, G. (1980). Psicoterapia comportamentale e biofeedback nel trattamento dei disturbi psicosomatici: Strategia d’intervento nella ipertensione essenziale come caso esplicativo. Medicina Psicosomatica, 25, 427-439.

Partendo da una definizione della psicoterapia comportamentale (derivante dall’integrazione della terapia del comportamento e delle terapie cognitive e semantiche) e da una descrizione del modello teorico di tale tipo di approccio imperniato sul concetto di «organizzazione», l’A. delinea alcuni elementi utili ai fini della costruzione di un modello cognitivo-comportamentale dei disturbi psicofisiologici. In particolare, l’accento viene posto sul momento della valutazione cognitiva della situazione stimolo e della successiva percezione dell’attivazione fisiologica, quale aspetto centrale del processo emotivo. Ne! passaggio dal modello alla prassi terapeutica viene sottolineata l’importanza di una strutturazione strategica dell’intervento, attraverso l’utilizzazione di tecniche operanti a livello fisiologico (biofeedback), comportamentale e cognitivo dell’organizzazione nevrotica. L’accenno ad una strategia di trattamento dell’ipertensione essenziale permette di esemplificare i vari aspetti dell’analisi e della modificazione di un comportamento fisiologico disadattivo.


Chiari, G., & Mosticoni, R. (1979). The treatment of agoraphobia with biofeedback and systematic desensitization. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 10, 109-113. doi:10.1016/0005-7916(79)90084-3

The aim of this study is to use biofeedback techniques in combination with systematic desensitization in the treatment of generalized phobias with high anxiety, such as agoraphobia. We state the advantages accruing from the combination of these two techniques. Four clinical cases of agoraphobia are presented, in each of which some of the above-mentioned advantages are evident.


Pancheri, P., Crebelli, M., Chiari, G., & Reda, G. (1978). Il biofeedback nella terapia dell’ansia. Rivista di Psichiatria, 13, 207-242.

Dopo aver passato in rassegna i lavori sulle applicazioni cliniche dell’EMG-feedback training in campo psichiatrico, e in particolare nell’ansia cronica, vengono precisati gli scopi del presente lavoro: a) valutazione dell’effettiva validità clinica del trattamento nella terapia dell’ansia cronica; b) chiarificazione delle indicazioni al trattamento in base a caratteristiche di personalità; c) acquisizione di informazioni riguardo al meccanismo terapeutico del biofeedback nel trattamento dell’ansia cronica. Sono stati trattati 27 pazienti con sintomatologia ansiosa da oltre 2 anni. Il programma di trattamento prevedeva almeno 20 sedute bisettimanali di EMG-feedback training. In base a criteri di miglioramento basati su impressioni soggettive dei pazienti, risultati dell’intervista clinica finale, cambiamenti nel comportamento dei pazienti, risultati dei test psicometrici, e sospensione o meno dell’uso di psicofarmaci, i pazienti, sono stati divisi in 3 gruppi: migliorati (14), non migliorati (6), pazienti che hanno interrotto il trattamento (7). L’analisi delle caratteristiche psicometriche ha fornito differenze al MMPI limitate ai code-type e alla scala 3 (Hy) tra migliorati e non migliorati, ma nessuna differenza statisticamente significativa nella valutazione iniziale dello status psicologico valutato obiettivamente per mezzo del MHPA, e nei livelli iniziali d’ansia misurati con STAI e MAS. Risultati estremamente significativi in tutti i test sono emersi nel gruppo dei migliorati relativamente alla valutazione all’inizio ed al termine del trattamento. Segue una discussione dei risultati, comprendente un’ipotesi sul meccanismo che determina il miglioramento di un paziente trattato con tecniche di biofeedback.


Mosticoni, R., Chiari, G., Cafolla, A., & Miele, G. (1978). Contributo in tema di interpretazione di profili M.M.P.I. normali. Descrizione di “code type”. Bollettino di Psicologia Applicata, 147, 103-129.

II “Minnesota Multiphasic Personality Inventory” (MMPI), uno dei questionari per la valutazione della personalità tra i più diffusi per la obiettivazione e la diagnosi dei disturbi psicopatologici, nella concezione degli autori e per ii modo in cui è stato costruito ha trovato impiego quasi esclusivamente in ambito psichiatrico. Per la descrizione caratterologica di soggetti normali vengono infatti utilizzati altri test, quali ad esempio ii “California Psychological Inventory” e ii “16 P.F.” di Cattell. Tuttavia, nella pratica corrente, accade non raramente di somministrare ii MMPI, per motivi di selezione attitudinale o come ausilio per escludere una eventuale patologia, a soggetti ii cui profilo si situa poi nella normalità. Ci è sembrato quindi legittimo verificare la possibilità di interpretare ii profilo “normale” secondo criteri non già di patologia, ma di rispondenza ai normali tratti della personalità.


Chiari, G., Mosticoni, R., & Mosticoni, S. (1978). Analisi di una popolazione normale italiana attraverso i “code type” del M.M.P.I. Bollettino di Psicologia Applicata, 145-146, 155-166.

È possibile codificare un profilo MMPI sistemando le sue scale cliniche – indicate con il loro numero d’ordine – in una sequenza decrescente, e ponendo degli indicatori in tale successione, al fine di mostrare in quale campo di variabilità si situino le scale che precedono un determinato simbolo. Con questa operazione e possibile raggruppare vari profili in base al codice delle punte alte (“high-point code”, HPC), ovvero prendendo in considerazione il tipo di codice (“code type”) identificato dal primo, dai primi due o dai primi tre numeri della serie ottenuta. Tale procedura, basandosi sull’ipotesi che determinati codici si ritrovino più frequentemente in determinate “popolazioni” che non in altre, rappresenta uno dei possibili metodi d’interpretazione del MMPI. Numerosi lavori hanno sviluppato tale ipotesi di lavoro nella descrizione della popolazione statunitense, sia psichiatrica che normale. A tale riguardo va notato che gli HPC significativamente più frequenti nella popolazione psichiatrica statunitense differiscono sensibilmente da quelli osservati nella popolazione normale; tale dato sembra sostenere l’ipotesi di una sostanziale differenza delle dimensioni lungo le quali si articolano le manifestazioni patologiche da quelle lungo le quali si dispongono invece i soggetti normali. Lo scopo de! presente lavoro e quello di ricercare la frequenza di ciascuno dei “code type” teoricamente possibili nella popolazione normale italiana, e di verificare se e quali di essi rappresentino una “popolazione” reale.


Chiari, G. (1975). La dea Angizia e i serpenti nella religione dei Marsi: tradizioni popolari residue. Medicina nei Secoli, 12, 109-127.


Chiari, G. (1974). L’anatomia del sistema nervoso autonomo dalle origini agli inizi del XVII secolo. Medicina nei Secoli, 11, 383-392.